Fin del Mundo

Pioniere nella produzione di vino in questa parte del deserto della Patagonia, più precisamente a San Patricio del Chañar, Provincia di Neuquén, si può dire che ha “inventato” una nuova regione vitivinicola in Argentina, dove le condizioni agro-ecologici sono ideali per la coltivazione della vite. L’eccezionale ampiezza termica – più di 20 C tra il giorno e la notte – generato da giornate di sole e fresco di notte, che donano al’’uva un equilibrio che conferiscono al vino colore, struttura e acidità.

Gli intensi raggi di sole che passano attraverso un cielo quasi sempre limpido permette una corretta maturazione delle uve, mentre la bassa umidità relativa e precipitazioni – solo 180 millimetri all’anno – mantenere la vite con una straordinaria salute.
E’ in questo ambiente della Patagonia, naturalmente sani e su terreni sabbiosi e rocciosi, dove crescono le 850 ettari di vigneti. La distribuzione è composta da 85% di varietà rosse e 15% di bianco, tra quelli: Cabernet Sauvignon, Malbec, Merlot, Pinot Nero e Syrah tra la prima, e Sauvignon Blanc, Chardonnay, semillon e Viogner tra le bianche.

L’obiettivo dell’azienda è il mantenimento di un alto livello di qualità dei loro prodotti, utilizzando tecnologia de ultima generazione e approfittando delle eccezionali qualità di terroir della Patagonia.

Gli ottimi risultati ottenuti da Bodega DEL FIN DEL MUNDO con le prime piantagioni ha aperto le porte allo sviluppo della viticoltura in tutta la regione e di altre realtà che sono state create successivamente.

Visita il Sitio